Sanremo, trafficanti di droga in manette Carabinieri in guerra contro lo spaccio

Capitano Paolo De Alescandris, Comandante Compagnia di Sanremo

20 persone arrestate. Annientata una struttura criminale che si occupava di vendita di droga porta a porta. Italiani e stranieri finiti in manette grazie all’attività dei carabinieri della Compagnia di Sanremo, guidati dal capitano Paolo De Alescandris, comandante dei militari sanremaschi: cocaina e hashish erano le sostanze preferite vendute dagli spacciatori che rifornivano la città di Sanremo e di tutto il Ponente Ligure.

Nella vasta operazione antidroga sono stati impegnati oltre 100 Carabinieri. Infatti, oltre ai militari di Sanremo, hanno preso parte all’operazione gli uomini del  15° Nucleo Elicotteri di Villanova d’Albenga, quelli del Nucleo Cinofili di Villanova d’Albenga, oltre agli investigatori del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Imperia e delle Compagnie di Imperia, Bordighera, Ventimiglia e Alessandria.

Eseguite decine di perquisizioni domiciliari per trovare sostanze stupefacenti e raccogliere elementi utili alle indagini .

La maxi operazione antidroga, convenzionalmente denominata “Operazione Porta a porta”, è nata grazie ad una scrupolosa attività d’indagine dei Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Sanremo.

I destinatari dei provvedimenti restrittivi sono 2 italiani e 18 stranieri.

Soddisfazione da parte dei magistrati e della cittadinanza per l’operazione che – sono i dati a dirlo – rappresenta il lavoro investigativo più difficile e proficuo negli ultimi anni a Sanremo e nella Provincia di Imperia dalle forze dell’ordine.

 A rendere il lavoro degli investigatori così efficace ha contribuito il coordinamento della Procura della Repubblica di Imperia e, in particolare, del Sostituto Procuratore Antonella Politi e del Procuratore Grazia Pradella che hanno seguito ogni passo dell’inchiesta.

L’indagine, avviata nel marzo 2016 e conclusasi nel mese di marzo 2017, ha cristallizzato l’attività di un’organizzazione criminale dedita al traffico, alla detenzione e allo spaccio di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti, principalmente del tipo cocaina e hashish, e ha consentito di individuare i ruoli dei singoli indagati che vanno dall’organizzazione per l’approvvigionamento dello stupefacente, all’acquisto con reperimento dei fondi necessari al pagamento dello stesso, all’intermediazione di cittadini italiani con vari esponenti della criminalità maghrebina operanti sulla piazza di Sanremo e in città limitrofe.Per ordinare la sostanza si usavano sms e un linguaggio cifrato. Perlopiù segni di interpunzione che corrispondevano a determinati quantitativi di droga.
Nelle conversazioni telefoniche le sostanze stupefacenti venivano chiamate nei modi più variegati (prugne, caffè, terra, baci, documenti, giocattolini, ecc.).
In una circostanza, a seguito di perquisizione personale, i Carabinieri del Nucleo Operativo gli hanno trovato addosso quasi 10.000 euro in contanti!

Le sostanze stupefacenti sequestrate sono state principalmente cocaina e hashish (con sequestri di diversi kg), ma in occasione di alcuni arresti gli spacciatori sono stati trovati in possesso anche di considerevoli quantità di eroina e marijuana.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Sanremo, trafficanti di droga in manette Carabinieri in guerra contro lo spaccio

  1. Mitici i Carabinieri !!!!!!!! Non è che per caso mi liberereste da un sequestro senza fine ?? I miei sono poveri e non possono pagare il riscatto…anzi sono io il primo ad impedire loro di pagare riscatti se non con tanto piombo nella testa dei sequestratori….ma anche in questo caso poverini ci possono fare poco….Potreste intervenire voi?
    Lo chiamo sequestro perchè c’è un dente microfono che mi impedisce di vivere e lavorare e non ho firmato contratti con nessuno…per prestare la mia opera e non ricevo nemmeno retribuzione….per gli spot pubblicitari che diffondo involontariamente….quindi carabinieri mi aiutereste pf?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *