Yara, Chiara e Meredith, ecco i gialli italiani Sul banco degli imputati ora c’è la giustizia

di Enrico Fedocci
Indagini improvvisate, condotte con imperizia, cercando di proporre – e alla svelta – un colpevole all’opinione pubblica. Un colpevole a cui attribuire indizi e prove.
La Cassazione spiega i motivi per cui ha deciso di assolvere Amanda Knox e Raffaele Sollecito dall’accusa di avere ucciso Meredith Kercher e nelle motivazioni punta il dito su chi ha condotto le indagini. Nessun elemento, hanno scritto i magistrati, inchioda i due imputati alla scena del crimine. Nessun elemento evidenzia un possibile movente.
E dopo questa sentenza ora c’è attesa per altri processi: quello a Massimo Giuseppe Bossetti, accusato da un’ esile traccia di dna di essere l’assassino di Yara Gambirasio, e quello di Garlasco, in cui Alberto Stasi è indicato dall’accusa come l’omicida della fidanzata Chiara Poggi. Anche in questi due casi gli elementi in mano alla Procura sono sfumati. Non c’è una confessione, ci sono indizi che potrebbero sgretolarsi sotto i colpi di perizie e controperizie, il movente non sembra reggere ne’ nel caso del delitto di Yara, tantomeno in quello di Chiara Poggi.

I prossimi mesi saranno determinanti per capire se la giustizia funziona: sul banco degli imputati, questa volta, la capacità degli investigatori di risolvere un giallo.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Yara, Chiara e Meredith, ecco i gialli italiani Sul banco degli imputati ora c’è la giustizia

  1. Questo è l’esempio di come in questo paese dobbiamo tornare indietro e usare vecchi metodi,ma poi non siamo preparati perchè inutile correre a far indagini quando avvocati trovano escamotage fatti apposta da chì le leggi le controlla per anche lui usarle a suo piacimento.Parlo della categoria che mi è più cara e in tutti i sensi anche per gli italiani si debbono sobbarcare……………..chi sono?……I POLITICI ovvio!. Finchè esisteranno non vi sarà la giustizia uguale per tutti, ma solo quella più costosa per pochi!…………………infatti loro hanno sia le coperture o diritti d’intoccabilità già pronti, così mentre queste tre ragazzi vedranno uscire i loro aguzzini grazie a questa giustizia a gettone……………non per colpa delle indagini ma di chì voglia far sparire quello che non si deve vedere quindi la verità è per pochi gratis,ma per altri a gettone;ossia paghi il dovuto e ti diamo cammello!.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *