Vigile ucciso a Milano durante un controllo Qual è stato il motivo di tanta violenza?

La bicicletta dell'agente di polizia ucciso

Un normale controllo a fine servizio. Niccolò Savarino era in compagnia del suo collega, quando un’auto, una Bmw X5 lo ha travolto. I due agenti della polizia locale volevano idendificare che era alla guida del Suv dopo che il mezzo aveva urtato in maniera non grave il proprietario di un camper. L’auto si è allontanata.

Ha cominciato a girare in tondo, sempre più velocemente, sgommando. L’agente si è messo di traverso a bordo della sua bicicletta per impedire alla Bmw di passare dall’unico cancello disponibile. A quel punto la follia: a folle velocità il suv ha travolto il poliziotto scaraventandolo 100 metri più in là sull’asfalto.

Savarino ha battuto violentemente la testa e per lui i soccorsi sono stati inutili.

Perché tanta violenza? Cosa nascondeva quella fuga? Un’auto rubata? Chi guidava aveva problemi con la legge? Ora in tutta la provincia di Milano è caccia all’uomo. Chi ha investito è stato visto in viso da più testimoni e in queste ore viene perfezionato l’identikit. La bicicletta del vigile è stata ritrovata un chilometro lontano dal luogo dell’investimento. I passanti hanno cercato di fermare l’auto in fuga, ma a nulla è servito.
Niccolò Savarino, 42 anni, prestava servizio presso il comando della polizia Locale di MIlano, distaccamento di Dergano. Aveva una compagna che ora dice: “Voglio giustizia”

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

3 risposte a “Vigile ucciso a Milano durante un controllo Qual è stato il motivo di tanta violenza?

  1. 70 anni fa,abbiamo subìto un invasione e sappiamo tutti come è andata a finire,ora ne stiamo subendo un’altra sicuramente meno ecclatante,ma che ha portato e porterà sempre più violenza,insicurezza e diffidenza verso il prossimo.Non credo che chi governa il paese sappia gestire tutta la feccia che alcuni paesi hanno vomitato verso di noi,sicuramente molti vengono per migliorare la propria vita ed avere un futuro migliore,ma altrettanto sicuramente altri hanno trovato nel nostro paese il loro far west,dove le regole sono scritte,ma non applicate e quindi alla faccia nostra banchettano senza preoccuparsi di pagare il conto.

  2. Vorrei solamente fare presente quanto sia inesatto e del tutto fuorviante il titolo da voi messo sulla home del sito TGCOM relativamente all’ uccisione del povero vigile urbano di Milano, più esattamente Suv killer….Suv uccide…. etc etc ora specifico che il suv non uccide da solo ma così come la Panda, il Sulky, la Matiz, etc etc uccide solamente se alla guida del mezzo ci sta un delinquente od un pazzo. Demonizzare in questo modo una categoria di autovetture è modo scorretto di dare e fare informazione. Solo una precisazione…grazie

  3. Sono indignata per la violenza che si sta scatenando e porgo le mie condoglianze alla famiglia del vigile. Vorrei solo rimarcare che gli inquirenti e/o i preposti a svolgere le indagini sono stati efficientissimi a prendere il colpevole in questo caso, perchè la vittima era un membro in uniforme. Il colpevole invece che ha investito e ucciso il bambino di Torino, da quella Clio grigia, di cui c’erano anche testimonianze, è ancora impunito. Quel bambino non ha diritto a ricevere la medesima giustizia? Perchè non sono stati così efficienti anche in quel caso? Sinceramente non capisco…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *