Rapine, incendi e atti di sadismo su animali Carabinieri di Trapani arrestano 4 uomini

Una scena del film “Arancia meccanica”

Fecero irruzione in una casa per compiere una rapina. Erano armati e mascherati con passamontagna e una maschera di Topolino. In quattro immobilizzarono il proprietario dell’abitazione e frugarono, alla presenza di una donna e di una bambina di 10 anni terrorizzate, nei mobili alla ricerca dei soldi della pensione di invalidità riscossa. Una scena che sembra tratta dal film ‘Arancia meccanica’ ma che non è frutto della fantasia del regista. E’ proprio quanto accaduto in via Mascagni a Trapani il 4 aprile scorso. I carabinieri hanno arrestato Giuseppe Cusenza, 30 anni, Salvatore e Davide Mannone entrambi di 29 anni e Vito La Torre, 38 anni trapanesi. Sono tutti accusati di rapina aggravata, lesioni personali, violazione di domicilio. Le armi poi risultate giocattolo e i passamontagna sono stati trovati dai militari nell’ autoclave del complesso edilizio dove abitano i due Mannone.

Gli indagati sono sospettati anche di essere gli autori di altre rapine tra le quali quella in una farmacia in viale Emilia Romagna compiuta il 2 marzo. In quell’occasione i banditi dopo aver staccato il contatore dell’energia elettrica, aggredirono il titolare facendolo cadere a terra e procurandogli lesioni per poi fuggire con un bottino di soli 30 euro. I quattro sono infine ritenuti dagli investigatori responsabili di avere incendiato il 10 marzo un’auto Citroen Picasso. E di avere ucciso un cane annegandolo nella cisterna d’acqua di un condominio.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

4 risposte a “Rapine, incendi e atti di sadismo su animali Carabinieri di Trapani arrestano 4 uomini

  1. anneghiamo anche loro .. prendersela in 4 con una famiglia indifesae ammazzare un cucciolo .. non hanno niente da dare alla società FECCIA

  2. pene dure, anzi durissime per scoraggiare questi balordi. La criminalità dilagante dipende dall’incertezza della pena. chissà se ti trovo ma anche quando ti trovo e ti arresto non paghi adeguatamente per quello che hai fatto di male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *