Mario Moretti e i ragazzi di via Pace. “Perché non mi pento della lotta armata? Troppo comodo”

di Enrico Fedocci

Mario Moretti ed Enrico Fedocci in aula

DOCUMENTO INEDITO: I VIDEO DEGLI INCONTRI AVVENUTI NEL 2004 E NEL 2005 TRA MORETTI E GLI STUDENTI DEL CORSO DI GIORNALISMO DELLA PROVINCIA DI MILANO –
E’ entrato in aula e ha risposto a tutte le domande. Lo ha detto subito: “…non per insegnare nulla a nessuno, ma per offrire il mio punto di vista”. Lui non si è mai pentito di ciò che ha fatto, almeno non secondo la legge. Lotta armata, sequestri di persona, omicidi, ferimenti, rapine. “Ho commesso reati di tutti i tipi”. Di certo non ha mai collaborato con gli investigatori come invece hanno fatto molti dei suoi ex compagni di lotta e dopo l’arresto avvenuto il 4 aprile del 1981 è stato processato e condannato a scontare sette ergastoli. Non si pentì formalmente, ma ammise in tv il fallimento della lotta armata. Continua a leggere

“I giorni di Igor”, la vera storia del killer di Budrio raccontata da Cristina Battista

“I giorni di Igor”, scritto da Cristina Battista, giornalista di Mediaset, racconta i mesi drammatici che hanno scosso un’intera comunità, vittima del “killer di Budrio”, Igor Vaclavic alias Norbert Feher.
Un criminale, detto “il russo”, che ha tenuto in scacco un intero Paese, prima di essere finalmente arrestato in Spagna. 

La vicenda intensa dello spietato Igor Vaclavic, raccontata attraverso gli occhi dell’autrice che, grazie agli appunti e agli indizi raccolti nel suo taccuino, vi accompagnerà tra le pagine di questo libro passo dopo passo, giorno dopo giorno, partendo da quella sera del 1 aprile 2017 a Budrio dove tutto tragicamente iniziò conl’omicidio di Davide Fabbri.

Cristina Battista

Attraverso interviste, indiscrezioni, segnalazioni e documenti inediti, Cristina Battista ha ricostruito la storia come mai l’avete letta e ascoltata prima, a fianco delle Forze dell’Ordine, tra vecchi casolari, boschi misteriosi e la famosa “zona rossa” della Bassa bolognese.
“I giorni di Igor” è un diario, 50 giorni, che con l’intensità del giornalismo investigativo, documenta le tensioni, le sensazioni e le emozioni dei protagonisti, dalle vittime ai testimoni.