Medaglia d’Argento a due valorosi carabinieri Salvarono una ragazza dalle fiamme dell’auto

Il Brigadiere Capo Danilo Certini durante la consegna della medaglia con la moglie e i figli


di Enrico Fedocci

Decorati con la medaglia d’argento al valor civile per aver salvato una ragazza dalle fiamme e aver tentato di estrarne altre tre dall’auto che stava per esplodere.
Sono passati 30 anni ma nessuno ha mai dimenticato quei due carabinieri, Danilo Certini e Domenico Amenduni, per il coraggio dimostrato il 25 maggio 1986 quando stavano andando a passare qualche ora di tempo libero in riviera romagnola. Loro, che prestavano servizio alla Stazione Carabinieri di Bagnacavallo, Ravenna, avevano lavorato tutto il giorno. Erano in auto e proprio davanti a loro un’altra automobile, una Citroen Pallas, dopo un impatto violentissimo prese fuoco. A bordo cinque ragazze: tre morirono sul colpo, le altre due furono estratte dal mezzo avvolto dalle fiamme, proprio qualche istante prima che esplodesse, dai due coraggiosi carabinieri.

L'ammiraglio Emanuele Caruso si congratula con il Brigadiere Capo Danilo Certini

L’ammiraglio Emanuele Caruso si congratula con il Brigadiere Capo Danilo Certini

Una scena da film, un atto eroico che un tempo sarebbe stato celebrato sulla copertina della Domenica del Corriere. Una ragazza, dopo un lungo periodo di convalescenza, si riprese, l’altra morì dopo alcuni giorni, le sue condizioni erano state compromesse nell’impatto.
Un gesto che ora il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha voluto sottolineare  con un riconoscimento concreto per i due militari: medaglia d’Argento al valor civile. Al brigadiere Amenduni è stato consegnato durante la festa dell’Arma presso la Legione di Bari, mentre a Danilo Certini, ora vicecomandante della Stazione Mari Capitale, è stato consegnato al Ministero della Marina.
Il Brigadiere Capo Danilo Certini (nelle foto in alto a destra durante la consegna del prestigioso riconoscimento con la moglie e i figli). La medaglia è stata consegnata con tutti gli onori, davanti al reparto schierato.
Il sottocapo di Stato Maggiore della Difesa, Ammiraglio Emanuele Caruso, ha voluto esserci in rappresentanza del Capo dello Stato e dei vertici militari del Paese.
Grande commozione per il Brigadiere capo Danilo Certini. Con lui l’amata moglie Gloria e gli adorati figli Luca ed Alessandro, ma anche i fratelli Antonello, Luogotenente dell’Arma, e Loriano.
Ma il pensiero di Danilo è andato – per tutta la durata della cerimonia – al padre Giotto, tenente dei carabinieri, da tre mesi scomparso: “Assieme ai miei figli, assieme a mia moglie e ai miei fratelli nel momento della consegna della medaglia c’era – idealmente – anche mio padre che ci teneva saldamente abbracciati stringendoci con le sue mani possenti”

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

6 risposte a “Medaglia d’Argento a due valorosi carabinieri Salvarono una ragazza dalle fiamme dell’auto

  1. Il fatto e’ accaduto 30 anni fa. Forse devi attendere che passi qualche altro anno per avere la meritata ricompensa.

  2. Buonasera
    @ Antony
    Mi permetta. Se decidi di aiutare una persona in difficoltà, sottraendola a morte certa, lo fai perchè sei una brava persona e altruista. Ma non devi pretendere nulla in cambio, lo fai e basta. Non credo che il momento in cui si decida di prodigarsi per il prossimo, si pensi a quello che si potrà avere in cambio. Per un militare è diverso. Scatta automaticamente un indagine e la cosa è resa pubblica. Ovviamente, con tutte le conseguenze che ne derivano. Sono totalmente d’accordo con il commento del sig. Enrico. Sono passati trent’anni, abbia fede. Mi auguro che la persona che ha salvato, le abbia riconosciuto almeno un “Grazie”. Se non lo ha fatto, accetti il mio rispetto e quello di molte altre persone. Lei si è comportato da vero uomo. I miei più vivi complimenti. Buona serata.
    Cordialmente.

  3. Come si può lasciar morire una persona se di può salvarla. Credo che i carabinieri che l’altra persona abbiano compiuto in quei frangenti un miracolo …..sono degni entrambi di lode e riconoscimenti .un grazie da parte mia x tanto coraggio.

  4. Buongiorno
    Quando ti si riconosce …o non ti si riconosce un merito…il problema non è il perché…il fatto è accaduto…e non è una medaglia dopo 30 anni…che ti fa gioire..il premio maggiore sono i trentanni passati sapendo di aver fatto il tuo dovere .

    Grazie per aver onorato la divisa che portate.

    Carabiniere effettivo in congedo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *