Al cinema con la fidanzata arresta latitante Carabiniere-eroe mette fine alla fuga di Stevic

rapinaDURANTE UN INSEGUIMENTO IL CRIMINALE AVEVA FERITO GRAVEMENTE UN BAMBINO
Era al cinema con la fidanzata, ha incontrato un pericoloso latitante e lo ha arrestato. È accaduto a Bellinzago Lombardo, nel Milanese, nel centro commerciale “le Corti Lombarde”, dove un carabiniere in servizio al nucleo Radiomobile della Compagnia di Vimercate, da solo e disarmato, è riuscito a bloccare Nikola Stevic, 34 anni, serbo, residente in un campo nomadi. Il militare ha informato la Centrale Operativa che ha subito inviato alcune pattuglie.

Pochi istanti dopo la chiamata al 112, il carabiniere ha capito che l’uomo stava per allontanarsi. Già in altre occasioni il nomade era uscito a scampare all’arresto. Su di lui pendeva una condanna per lesioni gravissime a seguito di un inseguimento in cui il malvivente a bordo di una Jaguar speronava una utilitaria con a bordo tre fratelli dopo aver forzato un posto di blocco della polizia a Sesto Fiorentino.
Il  bambino più piccolo, 9 anni appena, riportava una gravissima lesione spinale. È così, il criminale è finito in manette grazie a un carabiniere eroe che ha deciso di agire da solo, pur di non consentire al 34 enne di fuggire ancora.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

5 risposte a “Al cinema con la fidanzata arresta latitante Carabiniere-eroe mette fine alla fuga di Stevic

  1. Se ci fosse giustizia vera, a questo rifiuto (dis)umano andrebbe provocata, almeno, la stessa gravissima lesione spinale che ha causato al bambino di 9 anni, rovinandogli l’intera vita!

  2. E poi ci sono i comunisti (a cui i soldi non mancano) che si fanno paladini della giustizia per i diritti degli zingari…
    Ora ci sara’ il processo e tra poco sarà di nuovo in giro…
    Io gli darei una manica di botte e lo butterei nelle carceri del suo disgraziato Paese.
    Macche’ diritti… Pene corporali!

  3. invece verra’ rilasciato dopo una decina di giorni con dimora obbligatoria in qualche campo rom illegale, con tanto di scuse e visita del sindaco.povera italia, poveri italioti

  4. La cosa bella è che era detenuto nel carcere di Santa Maria Capua vetere Caserta Ed è Evaso Dal carcere con una cesoia perché non era controllato dagli agenti nelle ore di lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *