Usavano mogli come ostaggi nelle rapine Carabinieri Abbiategrasso smantellano banda

Si facevano prendere in ostaggio, poi, per rallentare la richiesta di aiuto alle forze dell’ordine fingevano malori. Erano moglie e fidanzate dei rapinatori e ogni colpo veniva fatto con la loro complicità, per un totale di 31 rapine e 100 mila euro di bottino. I carabinieri della compagnia di Abbiategrasso, nel Milanese, coordinati dal capitano Antonio Bagarolo, li hanno catturati. i banditi erano 6 e si comportavano come attori consumati. Le immagini che vedete a corredo dell’articolo sono servite agli investigatori per sgominare la banda.

Capture6-5-2014-11.29.13 AMEntravano prima le donne… distraevano commessi e farmacisti e – a quel punto – l’ingresso dei rapinatori incappucciati diventava ancora più efficaci. Urlavano, chiedevano denaro… strattonavano le complici e, così, costringevano i commessi ad eseguire ogni ordine, consegnando il denaro per paura che agli ostaggi succedesse qualcosa. Ma i carabinieri di Abbiategrasso sono riusciti a ricostruire la tecnica criminale e a smascherarli arrestandoli.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *