Donna violentata dall’ex riesce a salvarsi Marocchino arrestato dai Cc di Vimercate

BERNAREGGIO (MB), LA VIOLENZA E’ AVVENUTA A POCHI METRI DAL LUOGO IN CUI SABATO E’ STATA UCCISA LA 47ENNE ANTONIA STANGHELLINI

Mohammed Cheurgui, l’uomo arrestato dai carabinieri di Vimercate

L’ha aspettata fuori dal garage, poi, l’ha bloccata ed è montato a bordo della sua auto, costringendola – puntandole un coltello alla gola – a seguirla in una zona di campagna. Lì l’ha violentata e e poi portata a casa sua dove ha abusato ancora di lei. E’ accaduto a Bernareggio dove un marocchino 51enne non si rasseganava alla fine della sua storia con l’ex convinvente da cui aveva avuto un figlio. L’episodio si è verificato a poche decine di metri da dove sabato scorso un’altra donna, Antonia Stanghellini, è stata uccisa dall’ex coniuge dopo anni di vessazioni.

Dopo ore di terrore la vittima, una 40enne sudamericana, è riuscita a convincere l’uomo a lasciarla andare senza ucciderla. A questo punto la donna ha avvisato i carabinieri della Compagnia di Vimercate, coordinati dal capitano Marco D’Aleo che l’hanno soccorsa e aiutata a ricostruire i fatti. Pochi minuti dopo, grazie ad un minuzioso lavoro di ricerca, i militari sono riusciti a localizzare l’uomo che ancora vagava attorno a casa dell’ex convivente. Il coltello era stato buttato in un cestino, ma gli investigatori sono riusciti a ritrovarlo.

Dal racconto della donna è emerso che lo stupro è stato ripetuto anche a casa. Una notte da incubo per la 40enne che è riuscita a salvarsi solo perché ha fatto capire al marocchino che se l’avesse uccisa avrebbe reso il figlio di 7 anni che i due hanno, orfano.

Mohammed Chergui, operaio disoccupato, residente a Cornate D’Adda con alcuni precedenti, è stato portato in carcere con l’accusa di violenza sessuale, sequestro di persona e minaccia aggravata.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

5 risposte a “Donna violentata dall’ex riesce a salvarsi Marocchino arrestato dai Cc di Vimercate

  1. Non capisco queste donne che si mettono in queste situazioni. Ormai è di dominio pubblico che si corrono dei seri rischi. Sono per la maggior parte dedichi alla droga e alla violenza carnale. Ma la colpa principale è di chi fa entrare questa gente. Vivo in una città “invasa” dove vengono continuamente espulsi dal paese per poi riapparire, come per miracolo, dopo due settimane sulle stesse piazze a rifare i loro stessi porci comodi. E noi stiamo a guardare…

  2. Diciamo che non tutti gli immigrati sono come questo personaggio,però in questa nazione è ora di finirla e dare un segnale forte!.Non riempiendo le carceri nostre ma facendo scontare nei loro paesi i debiti con la giustizia,visto che tre quarti dei detenuti nelle carceri italiane sono stranieri!.

  3. la questione che sono le donne troie.
    ti illudono e ti usano a loro piacimento per poi stufarsi e andare in cerca di altri cazzi.
    il fatto sta che deve essere l’uomo superiore e lasciarla andare perchè c’è ne sono tante di donne al mondo…

  4. COME QUANDO SI STUFANO GLI UOMINI E CAMBIANO FIGA!!!!! E NESSUNO LI PERSEGUITA PERCHE NOI DONNE USIAMO IL CERVELLO E NE TROVIAMO UNO MIGLIORE…VOI SIETE DEBOLI E VI BUTTATE SULLA VIOLENZA E SULLA PERSECUZIONE!!!!!! QUESTO MAROCCHINO E UN ALTRO KE ANDREBBE APPESO IN PIAZZA…MA NON DAL COLLO….A MORIRE LENTAMENTE!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *