Carabinieri scovano una serra di marijuana Era organizzata come un vivaio professionale

LA DROGA VENIVA POI CONFEZIONATA IN ELEGANTI PACCHETTI E VENDUTA

La serra di marijuana

Immagine 1 di 10

I carabinieri di Vimercate trovano vivaio di droga

Una piantagione di marijuana all’interno di una capannone industriale. Una serra da far invidia ai coltivatori più professionali. nei vasi, illuminate da lampade per la crescita, 400 piantine divise per settori.  I carabinieri della Compagnia di Vimercate, guidati da capitano Marco D’Aleo e coordinati dal Gruppo di Monza, hanno scoperto, nella zona industriale del comune di Bellusco, un capannone all’interno del quale due uomini italiani avevano creato una vera e propria fabbrica per la produzione della marijuana che, al termine del ciclo di crescita, fatta essiccare,  veniva rivenduta direttamente ai clienti in eleganti confezioni termo sigillate e sottovuoto;

Gli arrestati, infatti, avevano organizzato la coltura suddividendo il capannone industriale in veri e propri settori, a seconda della tipologia, della natura e dello stato di crescita delle piante: queste, peraltro, erano particolarmente curate attraverso l’installazione, nelle singole aree, di apposite e specifiche lampade solari, di aeratori e deumidificatori.

Tutto il materiale, oltre allo stesso capannone, al macchinario per la termo saldatura  e ad una autovettura Smart utilizzata per la consegna a domicilio dello stupefacente, e’ stato posto sotto sequestro, e il suo valore stimato risulta attorno ai 100 mila euro;

Di circa 60 mila euro, invece, il valore dello stupefacente sequestrato, ancora “in vaso”, destinato però a quadruplicare al momento della vendita al dettaglio del prodotto.

All’arresto dei due coltivatori e alla scoperta del capannone destinato alla illecita attività gli investigatori sono arrivati dopo diverse settimane di servizi di osservazione e pedinamento da parte dei carabinieri di Vimercate. L’imbeccata giusta è arrivata dopo aver notato che, in un parco pubblico poco distante, alcuni giovanissimi, molti dei quali minorenni, una volta terminata la disponibilità di stupefacente, si dirigevano, quasi fosse un normale discount all’ingrosso, verso la vicina fabbrica della marijuana.

Ai due arrestati, Silvio B. del 1953 e Salvatore P. del 1961, italiani, entrambi di Bellusco, incensurati e attualmente senza occupazione – anche se uno di questi, il più giovane, ha avuto in gestione fino a poche settimane addietro un noto locale pubblico nel centro di  Bellusco – sono stati contestati i gravi reati di produzione e coltivazione di sostanze stupefacenti. Ora sono stati portati nel carcere di Monza.

GUARDA IL SERVIZIO TG

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

8 risposte a “Carabinieri scovano una serra di marijuana Era organizzata come un vivaio professionale

  1. Cé poco da commetare! per fa soldi si fa di tutto, come si fa di tutto per apparire in TV stá alla Coscienza della Gente fare o non fare una Cosa ché sia illegale, cé anche Gente ché a costo di andare a dormire sotto i Ponti hanno la Coscienza pulita.

  2. Comunque, mi sembra un affronto all’intelligenza. Se la droga fosse venduta – come lo sono le sigarette – la situazione sociale rimarrebbe inalterata e lo stato risparmierebbe notevoli risorse per destinarle a settori più delicati e bisognosi. Sono decenni che Pannella denuncia la stupidità della demonizzazione su questa specie di droga. Che non dà assuefazione ma aiuta a sopportare dolori altrimenti incurabili. E’ vero, altera – migliorandolo – l’umore dei consumatori ma non esiste over dose e non porta – come sostengono in molti – a consumarne altre e più pesanti (che, poi, circolano ugualmente), E’ la società nel suo complesso e nelle sue regole di convivenza a dover mutare: meno egoismo e individualismo.

  3. Più o meno la penso come Enzo. E’ davvero un controsenso tra l’altro che siano ammesse e liberamente vendute droghe dagli effetti ben peggiori come l’alcol che può causare incidenti stradali e produrre danni fisici al fegato e al cervello. Ma cambiare il modo di pensare della gente è dura…

  4. Meglio due coltivatori di marijuana….che oggettivamente non fanno male a nessuno…che 964 parlamentare che rubano tutto il sudore delle famiglie…tutti i soldi dei risparmiatori ed in collaborazione delle banche ci hanno defraudato di tutti…loro i veri delinquenti…basti pensare che è un prodotto della terra…e che in altri paesi è legale…qualcosa non torna!!

  5. Non solo enzo…ma hai idea di quanto lo stato e la società incasserebbero dai proventi tassati sulla vendita di sostanze stupefacienti (amsterdam ha raddoppiato gli introiti statali…) senza contare che il dato raddoppierebbe se sommassimo il risparmio tra tutti i costi di gestione…tra a genti, gudici e avvocati per causo in merito…! E’ una vergogna assoluta!!

  6. cieo’ vi rendete conto che pensano al ddl sulla diffazione???
    ragazzi aprite gli occhi e preparate le piazze!
    dovrebbero aver gia’ da un anno azzerato i costi dela politica…invece il primo step quello delle pensioni ricordate…notte tempo!!

    e’ assurdooooooo…non facciamoci mettere i piedi in testa ed attiviamoci per dindirindinaaaaaaa

  7. state lavorando sulle coltivazioni di marijuana bene bene…

    ma sulle case di tutti i politici, acquistate con i soldi dei finanziamenti ai partiti??
    quelle…che fine fanno??
    sono di proprietà dei cittadini…o di chi ha abusivamente utilizzato un bene pubblico per i comodi propri??
    mi sembra mooooolto piu’ grave questo…
    CHIEDETE AI MEDICI SE QUALCUNO E’ MAI MORTO DI MARIJUANAAAAA!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *