Biglietti treno falsi per tratta Roma-Fiumicino La GdF di Livorno smantella traffico cinese

Due milioni di biglietti ferroviari falsificati. Li ha sequestrati la Guardia di Finanza di Livorno, durante un servizio di controllo all’interno del porto toscano. Arrivavano dalla Cina ed erano stipati all’interno di un container. Le Fiamme Gialle si sono insospettite durante una verifica con apparecchiature scanner. Biglietti per la tratta Roma Fiumicino coperta dal treno Leonardo Express in vendita a 14 euro l’uno e che avrebbero fruttato all’organizzazione criminale oltre 28 milioni di euro.

Gli uomini della Guardia di Finanza, una volta verificato il contenuto del container, lo hanno nuovamente sigillato, in attesa che qualcuno si presentasse per ritirarne il contenuto. Nel frattempo gli investigatori hanno ricostruito tutti i movimenti della società destinataria della merce.

Si tratta di una ditta con sede a Sesto Fiorentino. All’interno dell’azienda, durante una perquisizione, sono state trovate prove definite dagli investigatori “incontrovertibili”. La persona a cui era intestata la ditta è stata denunciata all’Autorità Giudiziaria.  Le indagini, comunque, vanno avanti. Possibili ulteriori sviluppi dell’inchiesta nei prossimi giorni sul traffico Cina Italia di merce contraffatta.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

8 risposte a “Biglietti treno falsi per tratta Roma-Fiumicino La GdF di Livorno smantella traffico cinese

  1. per tutto questo dobbiamo ringraziare i nostri politici di M* che hanno aperto l’italia a tutta la feccia del mondo,se poi sommiamo una magistratura RIDICOLA il gioco è fatto SIAMO NELLA M*
    ps. e poi vogliono il voto,piuttosto lo dò al mio cane

  2. questi cinesi stanno invadendo italia fra un po gli stranieri saremo noi italiani….e per fortuna che monti e andato in cina per accordi di business….allora cominciamo bene

  3. Concordo con sergio, perchè con questa classe politica non si và da nessuna parte,poi se gli organi competenti non fanno rispettare le leggi!.Siamo lo zimbello d’europa sull’evasione fiscale e altri temi riguardanti alle finanze e notare che i primi sono i politici!,loro fanno scuola per il discorso fiscale.

  4. Pisapia da vero “compagno” non si è smentito,si è abbassato i pantaloni alla richiesta cinese di non dare cittadinanza al DalaiLama……..vergogna ……..povera Italia

  5. A Roma vi è nella zona di Piazza Vittorio tanti negozi tenuti da cinesi, indiani, etc. che vendono componenti per bigliotteria. nessuno mai mi ha rilasciato lo scontrino fiscale sulle merci acquistate, non c’è neanche il registratore di cassa. Ma lì la GDf NON VA MAI???, domanda: perchè non lo richiedo all’atto dell’acquisto: risposta: avete mai visto le loro facce? in un quartiere tipo China Town non è il caso a mettersi a fare “stranezze”, soprattuto se si è sole!

  6. E’ il peggiore schifo commerciale di questi ultimi anni, Marina ha ragione! la finanza mazzola l’italiani e ignora completamente i cinesi! PERCHE’
    cosa si nasconde sotto, eppure sappiamo bene che la mafia cinese e’ quella che gestisce tutto ciò che accade in questa nazione di merda!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *