Maniaco del gioco massacrava la fidanzata Arrestato dai carabinieri 30enne reggiano

Calci, pugni, minacce e violenze. I carabinieri di Novellara (Reggio Emilia) hanno messo fine all’incubo di una 26enne del luogo che da tempo viveva una relazione burrascosa con il compagno, di 30 anni. Sono stati i genitori della ragazza, anche loro minacciati di morte per chiedere denaro per soddisfare il vizio del gioco, a denunciare il fatto ai carabinieri. Nei suoi attacchi d’ira la violenza dell’uomo non aveva risparmiato nemmeno il cane della compagna. Adesso è in carcere accusato estorsione, maltrattamenti in famiglia e ad animali.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

18 risposte a “Maniaco del gioco massacrava la fidanzata Arrestato dai carabinieri 30enne reggiano

  1. C’e’ poco da dire, non ci sono parole in merito questa bestia…….(anzi bestia è un complimento per lui . Invece è un offesa per la specie, perchè non si comportano così), deve rimanere rinchiuso per tutta la vita dentro in carcere….., ma in Italia non funziona così, o sbaglio?
    Un forte abbraccio alla ragazza e tanta tanta forza per ritornare a vivere, ovviamente grazie anche ai suoi genitori che hanno sicuramente lottato con tutte le loro forze.

  2. SOLO IN ITALIA PUO CAPITARE UNA COSA DEL GENERE….SPERIAMO CHE RESTI LI PIU A LUNGO POSSIBILE.NEL MIO PAESE,ROMANIA SE UN LADRO RUBA UNA GALLINA PRENDI COME MINIMO 5 ANNI DI GALLERA,QUI……UN ABBRACCIO FORTE ALLA FAMIGLIA.

  3. Sono sicuro che anche in questo caso la giustizia Italiana mostrerà il peggio di se.. Fra qualche mese questo signore sarà di nuovo fuori e magari finirà quello che ha iniziato, così come successo in altri casi simili a questo… Non capisco perchè non ci siano leggi più dure in Italia nei confronti di questi balordi.

  4. L’ORRORE CHE SI PROVA PER LE PERSONE DEL GENERI , NON HA COMMENTI,
    SIAMO NOI ESSERI DEBOLI CHE NON SAPPIAMO RIBELLARCI A TALE , TORTURA… ARRIVIAMO SOLO A CREDERE CON NOI STESSI CHE LA COLPA E NOSTRA…..

  5. I genitori della ragazza, se corrisponde al vero ciò che scrive l’articolista, hanno denunciato il delinquente soltanto dopo essere a loro volta stati minacciati. Se alla prima avvisaglia di violenza si fossero attivati forse la figlia e al cane sarebbero state risparmiate burrascose situazioni di violenza.
    In casi come questi occorre stoppare la violenza sul nascere. Abbandonando l’essere e lasciandolo alla mercè di se stesso. Nella vittima vi è sempre una parte di colpevolezza in questo come in altri casi e non è vero che altrove queste cose non succedono. Purtroppo succedono dappertutto anche se non dappertutto vengono punite a dovere.

  6. NON CI SONO PAROLE…ADESSO QUESTO CON UN BUON AVVOCATO E CON LA PERIZIA PSICHIATRICA SI FARA’ AL MASSIMO TRE MESI DI GALERA…CHE SCHIFO…E QUESTA E’ L’ITALIA……

  7. io credo che quello che ha fatto il ragazzo sia terribile, molto!! ma è anche colpa dell stato, si xkè lui autorizza le macchinette per giocare!!!! xkè ne ricava molti e motli soldi..ho visto famiglie distruggersi per colpa del gioco LEGALIZZATO dallo STATO!!!!! speriamo che la giustizia faccia il suo corso!!una buona giornata a tutti

  8. Carissima Carmen, proprio perche’ nel tuo paese per il furto di una gallina si prendono 5 anni (e io ti credo anche ehhh…) la maggior parte (e sottolineo purtroppo la MAGGIOR parte) dei delinquenti del tuo paese è venuto qui in Italia a commettere atti illeciti e altre schifate… perchè tra le cose che non funzionano qui in Italia sono proprio le pene ridicole che vengono date a certi soggetti…. ma a parte questo…. cio’ che dici sul fatto che queste cose capitano solo in Italia ti rispondo con un bel… “non dire ca…..”. In tanti come il Pakistan, Afghanistan, le donne oltre a calci e pugni vengono lapidate, sfigurate con l’acido e tanto altro schifo… in Africa violentate, picchiate, sfruttate… in alcune zone dell’India se non nasci Uomo le bambine vengono uccise alla nascita se non riesco a sopprimerle con l’aborto… in Somalia le donne subiscono la mutilazione genitale… devono continuare???.. giusto per farti una panoramica… nel caso non ne fossi al corrente. Il problema è che in ogni paese queste torture, violenze e non rispetto della dignità umana dovrebbe essere punita come si deve a prescindere dal luogo.

  9. HO UNA FIGLIA DI QUASI 22 ANNI CHE AMO PIU’ DELLA MIA VITA,

    SE DOVESSE SUCCEDERGLI QUALCOSA DEL GENERE

    IO LO PRENDO A STO DISGRAZIATO E LO FACCIO A SPEZZATINO !!

    NON HO FIDUCIA NELLA GIUSTIZIA, HO FIDUCIA NELLA GIUSTIZIA PRIVATA !!!

    ED ADESSO CRITICATEMI PURE, NON ME NE FREGA NIENTE……

    GUAI A CHI TOCCA MIA FIGLIA…..

  10. Tanto si sa come andrà a finire…fra poco verrà liberato, poi comincerà a tormentare quella povera famiglia che alla fine dovrà andarsene per sfuggire a questo pazzo…è un testo già scritto, dove (e capita solo in Italia) alla fine sono le vittime quelle che subiscono la punizione più pesante, indifese di fronte a un sistema legale che tutela quasi più i criminali che non la povera gente!

  11. In Italia manca la certezza della pena. Quando succedono questi fatti bisogna essere durissimi nel punire questI energumenI. Basta fare i buonisti ! Ogni due giorni viene uccisa una donna.
    La violenza sulle donne è un reato gravissimo e bisogna denunciare anche per un ceffone dato con rabbia. LE DONNE VANNO RISPETTATE.

  12. Va messo dentro e vanno buttate le chiavi…………..Ma purtroppo le cose vanno diversamente…………Tra un paio di mesi (forse) siamo di nuovo al punto di partenza. Lo abbiamo visto con il capitano Schettino……..Ci sono ancora 5 corpi da recuperare e lui è a casa a scrivere il libro….Rimesso in libertà grazie ad una donna giudice…….Se fosse stato per me un solo libro puo srivere quello di Silvio Pellico………..Sono due casi diversi però…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *