Era la sua prima notte d’amore con un trans Prima ci ripensa, poi lo accoltella e scappa

Era la sua prima volta, ma quando si è trovato davanti al trans con cui aveva deciso di avere una trasgressiva notte di sesso deve averci ripensato. Ha chiesto i soldi indietro, ma davanti al no deciso del transessuale gli ha sferrato due coltellate, una all’addome e l’altra all’altezza dell’ascella.
“No, propnio, no… le attrezzature sado sono troppo anche per me” deve aver riflettuto dopo essere entrato nell’abitazione dell’uomo. Tutti quegli arnesi, fruste, maschere appesi un po’ ovunque devono averlo spaventato a morte e allora, prima ha cercato di riavere il denaro con cui aveva pagato la prestazione, poi ne è nata una colluttazione e l’accoltellamento che ha ferito gravemente il brasiliano. Siamo a Roma, zona Eur.

Il cliente, un italiano di 35 anni di origini siciliane, poi ha tentato la fuga, ma a fermarlo ci ha pensato un altro transessuale, amico della vittima. E così l’uomo è stato fermato dai carabinieri della Compagnia Roma Eur proprio mentre tentava di lasciare il condominio. Ora l’aggressore è in carcere con l’accusa di tentato omicidio. Il trans ferito è affidato alle cure dei medici dell’ospedale Sant’Eugenio di Roma.
Enrico Fedocci

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

15 risposte a “Era la sua prima notte d’amore con un trans Prima ci ripensa, poi lo accoltella e scappa

  1. concordo con anna..cosa cambiava se anzichè siciliano fosse stato torino..roma..o qualche altra regione?…poi dicono che il razzismo è solo di colore..a me sembra che non bisogna andare poi tanto lontano per vedere altre e ben piu note forme di razzismo.

  2. le coltellate a parte…..che dovranno necessariamente costare care a chi le ha date…l’argomento non è certamente di mio interesse….

  3. IL GUAIO E’ CHE MOLTE VOLTE SONO I MARITI O I COMPAGNI AD ANDARE COI TRANS E NOI RISCHIAMO DI PRENDERE MALATTIE SENZA ESSERE AL CORRENTE DELLA PERVERSIONE DEL PROPRIO COMPAGNO DI VITA CHE TI STA ACCANTO COCCOLANDOTI SENZA CHE TU POSSA AVERE IL MINIMO SOSPETTO DEL SUO VIZIETTO!LA PERVERSIONE DELL’UOMO NON HA LIMITI A NIENTE. IO PERSONALMENTE HO PERSO FIDUCIA IN TUTTI GLI UOMINI …DOPO AVER SCOPERTO IL MIO COMPAGNO,CHE MAI E POI MAI AVREI DETTO E PENSATO DI QUESTO SUO VIZIETTO!!!CERCO UN’EDITORE CHE MI APPOGGIA PER SCRIVERE UN LIBRO SULLE AMAREZZE CHE PROVA LA DONNA QUANDO SCOPRE CON CHI VIVE ACCANTO

  4. Volete sapere cosa cambiava se il protagonista ella vicenda fosse stato di Torino ,Milano o Bologna ? Semplicemente non accadeva nulla .

  5. Se ancora non avevano trombato il Cliente avrebbe dovuto denunciare il Trans (al suo rifiuto di restituire il “regalino”) per appropriazione indebita o truffa. Ma dal momento che il Cliente ha alzato le mani e’ passato dalla parte del torto….

  6. appropriazione indebita??? era il corrispettivo x una prestazione… se il cliente non voleva + la prestazione ha perso il denaro… se si acquista qualcosa e si da l’anticipo e poi ci si pente si perde la caparra mica andiamo ad accoltellare il negoziante perchè non ci restituisce la caparra ne lo denunciamo x appropriazione indebita… poi xkè portarsi dietro il coltello??? perchè avrebbe voluto di nuovo indietro i soldi… e tu caro john che avresti scritto poi? che sicuramentela restazione non era soddisfacente e quindi occorreva restituire i soldi ed ha fatto bene il porco ad accoltellarlo??? mi vergogno di essere italiana…

  7. e poi john è strano che qui il cliente passa dalla parte del torto mentre col vecchietto è giusto che l’abbia pikkiata xkè non esistono leggi che dice di pagare le puttane… ma rileggi poi quello che scrivi???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *